Antonio Di Pietro a Parete


Mercoledì 20 febbraio, alle ore 19, presso il RISTORANTE "D'ANGELO", sito sulla Strada Prov.le PARETE- Lusciano in Via della Libertà 128, subito dopo l’uscita (a 150 mt. lato dx) dell’asse mediano (ex.SS.265) Aversa SUD/ Lusciano in direzione PARETE, il Presidente di Italia dei Valori Antonio Di Pietro incontrerà i candidati, i dirigenti, gli iscritti, i simpatizzanti e gli elettori tutti per sostenere la lista elettorale “RIVOLUZIONE CIVILE” che candida alla presidenza del Consiglio Antonio INGROIA.

La manifestazione, organizzata dai circoli di Italia dei Valori di Parete e Lusciano, servirà ad illustrare ai cittadini e alla stampa il programma elettorale di RIVOLUZIONE CIVILE e sarà l’occasione per affrontare, oltre ai temi caldi dell’attualità politica, la delicata e sentita tematica del  risanamento ambientale. Su questo argomento è previsto l’intervento del Pres. E. Tosti, referente del Coordinamento “Terra dei Fuochi”.

Introdotti dal presidente del circolo di Parete di IDV Raffaele Di Nardo, porteranno il loro saluto i candidati al Parlamento di Rivoluzione Civile dell’Agro Aversano, Luciano Pastore di Parete, candidato alla Camera,  e Valerio Mottola di Lusciano, candidato al Senato. Previsti anche gli interventi dei commissari regionali di IDV On. Nello di Nardo e Antonio Palagiano e del commissario provinciale Emilio Iannotta

Concluderà l’On. Antonio DI PIETRO che, certamente, affronterà con determinazione e incisività le vicende di corruzione e malaffare che inducono oggi tanti a parlare di nuova tangentopoli e che sono la principale causa di mancata crescita del Paese e di negata giustizia sociale.

COORDINAMENTO PROVINCIALE ITALIA DEI VALORI

Continua a leggere...

comunicato Direzione Provinciale IDV nell'imminenza della presentazione delle liste elettorali

Il partito di Italia dei Valori di Caserta, dal momento in cui ha ricominciato l’attività politica sotto la guida del commissario provinciale dott. Emilio Iannotta, ha ritenuto che per la ripartenza del partito fossero elementi essenziali il confronto democratico e la condivisione delle scelte.
Pertanto è stato più volte convocato  l’attivo provinciale e sono stati invitati alla partecipazione consapevole dirigenti, eletti, militanti, che, in larghissima parte, hanno confermato la determinazione nel voler proseguire l’impegno con Italia dei Valori. 
Anche ieri, 11-01-2013, nella imminenza della presentazione delle liste, il commissario provinciale ha convocato a Caserta dirigenti ed eletti del partito facendoli partecipi della richiesta pervenuta della dirigenza nazionale e regionale di alcune indicazioni di esponenti casertani disponibili alla candidatura in posizione non apicale. 
In leale spirito collaborativo, prendendo atto dell’attuale esigenza di dare forza, unitarietà e concretezza al progetto e alla lista RIVOLUZIONE CIVILE, la Direzione Provinciale di Caserta, pur rispettando la determinazione e l’ambizione di alcuni dirigenti di  partito che avrebbero voluto che fosse riconosciuto ad un esponente di IDV Caserta un posto di potenziale eleggibilità, ha indicato quali candidati alla dirigenza nazionale propri dirigenti di sicura affidabilità, comprovata militanza, radicamento territoriale. 
Allo stesso tempo la Direzione Provinciale di Caserta all’unanimità chiede al Presidente nazionale On. Antonio Di Pietro e ai Commissari Regionali che nella definizione delle candidature sia prioritariamente considerato il principio della appartenenza territoriale dei candidati. Tale esigenza è determinante, nel clima di sfiducia e di disaffezione nei confronti della politica e dei partiti, per poter consentire a dirigenti e militanti tutti di partecipare con dignità e determinazione alla difficile sfida elettorale. Si ritiene infatti che, oggi più che mai, sia necessario dare risposte concrete alla volontà di partecipazione e di rappresentanza di territori e cittadini che si è concretizzata nella copiosa raccolte di firme contro il Porcellum, che ha visto IDV promotore e assoluta protagonista.


DIREZIONE PROVINCIALE IDV CASERTA

Continua a leggere...

IDV di Caserta a sostegno di Antonio INGROIA e di RIVOLUZIONE CIVILE

L’Italia dei Valori della provincia di Caserta manifesta soddisfazione per l'impegno politico di Antonio INGROIA che, rompendo ogni indugio, ha accolto la pressante sollecitazione a porsi a capo di RIVOLUZIONE CIVILE, aggregazione di  forze politiche, civiche e sociali che hanno fatto opposizione in Parlamento e nel Paese alle politiche liberiste, inique e depressive del governo Berlusconi e del governo Monti.                L’Italia dei Valori è convinta che da questa crisi, che stanno pagando a caro prezzo soprattutto il ceto medio, le fasce deboli, i giovani e il Meridione, si può uscire solo ponendo come elementi prioritari del prossimo Governo  i diritti civili e dei lavoratori, l’equità sociale, i beni comuni.                                                                                   Ma non ci può essere ripresa possibile per il nostro Paese se non si decide, una volta per tutte, che lo Stato deve riacquistare credibilità e controllo dei territori. Va quindi  condotta una battaglia senza se e senza ma alle mafie, alla corruzione, alle connivenze, all’illegalità diffusa, alle caste. Necessitano, pertanto, uomini dalla schiena dritta e senza scheletri negli armadi. E la storia di Antonio Ingroia è, in tal senso, una garanzia e un esempio da seguire per le migliori espressioni del volontariato, dell’impegno militante antimafia, del popolo della pace e dei referendum.                                                 L’Italia dei Valori c’è e ci sarà al fianco di Antonio Ingroia. Con la sua storia, i suoi militanti, i suoi candidati. Orgogliosa delle battaglie condotte che non possono essere delegittimate dal comportamento immorale di pochi rappresentanti prontamente espulsi dal partito e dalle Istituzioni. Accantonando il proprio simbolo temporaneamente,  in questa fase di emergenza economica e democratica, per condividere il progetto di una proposta politica e di una lista che possa essere convincente e di vero cambiamento.

          CORDINAMENTO PROVINCIALE DI CASERTA ITALIA DEI VALORI

Continua a leggere...

intervento all'assemblea di Cambiare si può Caserta

Sabato scorso, all’assemblea nazionale di Italia dei Valori di Roma, al cospetto dei numerosi esponenti  casertani di Italia dei Valori presenti, i Commissari Regionali On. Nello Di Nardo e Antonio Palagiano hanno affidato al sottoscritto il compito di coordinare e rilanciare il partito in provincia di Caserta.
L’Italia dei Valori è l’unico partito a cui sono stato tesserato, di cui sono già stato coordinatore provinciale agli albori della sua presenza sul proscenio politico e  che spero vivamente torni ad essere nel cuore della gente e nella matita degli elettori. Io mi impegnerò in tal senso e sono confortato dall’aver verificato che la stragrande parte del partito, il partito dei multiformi e complessi territori della nostra provincia,  il partito delle battaglie referendarie e della generosa e consolidata militanza, è rimasto con convinzione nel partito e ha manifestato piena adesione alla mia nomina.
E’ pur vero che abbiamo in provincia di Caserta perso la nostra rappresentanza istituzionale presso l’Europarlamento (On. Vincenzo IOVINE), al Parlamento Italiano(On. Amerigo PORFIDIA), alla regione Campania (On. Eduardo Giordano), alla provincia di Caserta (Salvatore Cella e Francesco Ommeniello). All’elezione di costoro i militanti e i dirigenti di Italia dei Valori hanno dato il proprio prezioso contributo.
Quegli stessi militanti e dirigenti orgogliosamente oggi ribadiscono il loro impegno per un partito che ha posto come elemento fondante  del proprio agire politico la lotta alla corruzione e ai privilegi della casta, la ricerca della legalità e dell’equità sociale, la difesa dei lavoratori, dei diritti civili e dei beni comuni.
Certo sappiamo bene che alcuni nostri rappresentanti istituzionali sono caduti vittima dell’ingordigia e della debolezza umana. Sono stati prontamente espulsi dal partito e “spintaneamente”- come dice il nostro Presidente- convinti ad auto espellersi dalle Istituzioni.
L’opera di killeraggio politico, certamente determinata dalla volontà di delegittimare e isolare l’unico partito che in Parlamento ha fatto in questi lunghi anni vera opposizione al Governo Berlusconi e al Governo Monti -mettendo in risalto in questo ultimo caso le mille contraddizioni del partito democratico-, l’unico partito che in Parlamento si è posto con determinazione al fianco della Procura di Palermo impegnata nella difficile ricerca della verità sulla trattativa Stato-mafia  e sui mandanti delle stragi, ci penalizza oggi nei sondaggi, per quello che valgono.
Sia ben chiaro, noi non ci sentiamo delegittimati, né isolati. Perché in questi anni, oltre a fare opposizione ferma e coerente in Parlamento, abbiamo condiviso, nelle piazze e nel Paese,  con i cittadini, i movimenti e le forze della sinistra non rappresentate in Parlamento, le vere battaglie di civiltà. Quelle dei referendum per l’acqua pubblica e contro il nucleare, quella della lotta alle leggi ad personam e i privilegi delle caste, quella della difesa dell’istruzione pubblica, dei diritti delle donne e della libertà e pluralità di informazione, quella della raccolta di firme contro il Porcellum, quella delle splendide vittorie dei Sindaci ( Luigi de Magistris, Giuliano Pisapia e Leoluca Orlando, tanto per ricordare le più eclatanti), quella a sostegno dei lavoratori nelle mille vertenze che stanno attraversando e impoverendo il Paese, quella a fianco degli esodati , quella della raccolta di firme contro l’art. 8 e per il ripristino del l’art. 18.
Noi siamo convinti che il popolo di centrosinistra, al di là del comportamento e delle dichiarazioni- spesso ambigui e contraddittori-, dei tanti protagonisti del proscenio politico, chiede a viva voce, nelle piazze e sulla rete, un programma che sia alternativo a quello della destra berlusconiana e cha segni una chiara discontinuità alle politiche economiche poste in essere dal governo Monti. E’ evidente che il fulcro del programma del centrosinistra deve essere, oggi più che mai, il LAVORO, la sua dignità e la sua valorizzazione. L’Italia riparte solo se i lavoratori recuperano fiducia, orgoglio, diritti e riconoscimento sociale.
Certo IDV intende, insieme a quanti hanno condiviso le belle esperienze di civiltà sopra ricordate, non fare mera protesta e si propone di dare il proprio contributo al buon governo del Paese. E fino all’ultimo minuto auspica che la discontinuità rispetto alle scelte inique e depressive che hanno caratterizzato la politica economica di Monti, quella discontinuità che ha lasciato intravedere Bersani durante le primarie della coalizione Bene Comune, si concretizzi in un programma coerente e condivisibile.
Se, come purtroppo pare, dovessero in quella coalizione prevalere le spinte liberiste e “l’agenda Monti”, se Bersani dovesse perseverare nel ritenere essenziale l’alleanza post-elettorale con i moderati di Casini e Fini, evidentemente noi e tutti voi dovremo offrire all’elettorato di centrosinistra una proposta alternativa.
Una proposta che parli il linguaggio della coerenza rispetto alle battaglie condotte in questi lunghi anni e che veda protagonisti donne e uomini con la schiena dritta, che possano essere testimoni di militanza, impegno civile e radicamento territoriale.

                                                                  Emilio Iannotta

Continua a leggere...

IDV tra "singolari abbandoni" e rigenerazione arancione.

Qualche quotidiano on line ha descritto la mia persona in riflessione politica rispetto agli accadimenti e gli abbandoni che hanno interessato recentemente il mio partito, l'Italia dei Valori. Premesso che osservare e riflettere è condizione ineludibile per operare scelte consapevoli, chi davvero mi conosce sa bene che ne ho abbracciato la causa fin dalla sua nascita per convinzione e affinità idealistica. Pertanto sono fortemente impegnato a rilanciarne l'iniziativa politica e a favorirne la rigenerazione.

Partendo dal franco confronto democratico, dalla attenzione al territorio, dalla valorizzazione delle competenze e dal riconoscimento della militanza.
Peraltro gli abbandoni e le nuove sigle mi appaiono del tutto strumentali e funzionali ad interessi personali. Non vi è una vera divergenza di linea politica ed è davvero singolare l’atteggiamento e il comportamento di taluni “Onorevoli” che mentre condannano gli abusi e i soprusi dei partiti padronali, al punto da usare il termine “libertà” quale elemento qualificante del loro “nuovo impegno e nuovo partito”, non hanno neppure la dignità di rinunciare ai privilegi e alle ben remunerate poltrone che tale partito padronale ha loro concesso portandoli in Parlamento in carrozza con il Porcellum.  
Certo è di piena attualità il rapporto tra IDV e il Movimento Arancione che Luigi de Magistris sta in questi giorni lanciando. Secondo qualche dirigente casertano di Italia dei Valori e qualche quotidiano on line  le strade tra IDV e de Magistris si sarebbero definitivamente separate. 
Per rilanciare IDV in provincia di Caserta è assolutamente necessario, a mio parere, che le posizioni dei singoli, soprattutto se investiti da responsabilità politiche ed aspettative, siano chiare. 
Confido invece che Luigi De Magistris- di cui pure IDV ha riconosciuto e sostenuto l’impegno da magistrato prima, da candidato alle elezioni europee e alle amministrative poi e da Sindaco di Napoli tuttora- voglia dare il suo determinante contributo alla ripartenza di Italia dei Valorial completamento del processo di democratizzazione interno al partito e alla più attenta selezione delle rappresentanze istituzionali.  
Proprio a Napoli (e nel Mezzogiorno in genere) credo debbano cercare nuova linfa e nuove energie l’IDV e l’intero Paese!

Emilio Iannotta

Continua a leggere...

L'Ilva di Taranto e l'auspicata autocritica di Bersani

La vicenda dell'Ilva è purtroppo una bomba che torna a scoppiare nelle mani di Bersani proprio mentre è impegnato nella decisiva battaglia per la leadership del centrosinistra. È una questione irrisolta, una domanda inevasa: può un dirigente di sinistra e riformista accettare un sostegno economico (donazione dei Riva, documentata, legittima e prevista dalla legge, pari a 98 mila euro, sottoscritta in favore della sua campagna elettorale del 2006), da un imprenditore discusso senza essere coinvolto  dal destino di costui?
L’inchiesta oggi rivela che un secondo candidato alle primarie, il governatore della Puglia, Nichi Vendola, ha elargito simpatie quantomeno inopportune e disponibilità irrituali.
Vero è che anche Forza Italia usufruì dai Riva di una donazione di 245.000 euro, ma il popolo di centrosinistra vuole comportamenti diversi e scelte politiche veramente a sostegno dei lavoratori, non piegate agli interessi delle lobby e dei grandi imprenditori.
Certo questa vicenda mi ricorda tanto quella della Società Autostrade, da cui tutti i partiti, ad eccezione di IDV, accettavano di buona lena le elargizioni. Sarà anche per questo che IDV è invisa a tanti?
Caro Bersani, caro Vendola, da cittadino di centrosinistra, auspico di cuore che da voi, in questo difficile momento per l'economia, per i lavoratori e per i partiti, giungano parole e comportamenti di sana autocritica!

Emilio Iannotta

Continua a leggere...

Le primarie di Italia Bene Comune

Ho appena votato alle primarie della coalizione " Italia Bene Comune". Confido che diventi presto coalizione di centrosinistra e che il vincitore si impegni con l'elettorato a realizzare un programma di centrosinistra. Necessariamente in discontinuità con quanto realizzato dal governo Monti, soprattutto in tema di lavoro ed equità sociale. 
Ho sempre ritenuto le primarie uno strumento essenziale della democrazia, che consente ai cittadini di partecipare e di qualificare la proposta politica. 
Mi sono sempre battuto affinchè fossero istituite anche nella mia comunità e ancora ricordo, con un pizzico di rammarico, quando furono promesse ai miei concittadini, ratificate dai partiti di centrosinistra e poi inspiegabilmente rinnegate! 

Emilio Iannotta

Continua a leggere...

Cerca nel blog

Contatta IDV Alto Casertano

scrivi a:
idvaltocasertano@yahoo.com

idvgiovanialtocasertano@yahoo.it

In rilievo

Etichette

Archivio blog

Calendario