IDV tra "singolari abbandoni" e rigenerazione arancione.

Qualche quotidiano on line ha descritto la mia persona in riflessione politica rispetto agli accadimenti e gli abbandoni che hanno interessato recentemente il mio partito, l'Italia dei Valori. Premesso che osservare e riflettere è condizione ineludibile per operare scelte consapevoli, chi davvero mi conosce sa bene che ne ho abbracciato la causa fin dalla sua nascita per convinzione e affinità idealistica. Pertanto sono fortemente impegnato a rilanciarne l'iniziativa politica e a favorirne la rigenerazione.

Partendo dal franco confronto democratico, dalla attenzione al territorio, dalla valorizzazione delle competenze e dal riconoscimento della militanza.
Peraltro gli abbandoni e le nuove sigle mi appaiono del tutto strumentali e funzionali ad interessi personali. Non vi è una vera divergenza di linea politica ed è davvero singolare l’atteggiamento e il comportamento di taluni “Onorevoli” che mentre condannano gli abusi e i soprusi dei partiti padronali, al punto da usare il termine “libertà” quale elemento qualificante del loro “nuovo impegno e nuovo partito”, non hanno neppure la dignità di rinunciare ai privilegi e alle ben remunerate poltrone che tale partito padronale ha loro concesso portandoli in Parlamento in carrozza con il Porcellum.  
Certo è di piena attualità il rapporto tra IDV e il Movimento Arancione che Luigi de Magistris sta in questi giorni lanciando. Secondo qualche dirigente casertano di Italia dei Valori e qualche quotidiano on line  le strade tra IDV e de Magistris si sarebbero definitivamente separate. 
Per rilanciare IDV in provincia di Caserta è assolutamente necessario, a mio parere, che le posizioni dei singoli, soprattutto se investiti da responsabilità politiche ed aspettative, siano chiare. 
Confido invece che Luigi De Magistris- di cui pure IDV ha riconosciuto e sostenuto l’impegno da magistrato prima, da candidato alle elezioni europee e alle amministrative poi e da Sindaco di Napoli tuttora- voglia dare il suo determinante contributo alla ripartenza di Italia dei Valorial completamento del processo di democratizzazione interno al partito e alla più attenta selezione delle rappresentanze istituzionali.  
Proprio a Napoli (e nel Mezzogiorno in genere) credo debbano cercare nuova linfa e nuove energie l’IDV e l’intero Paese!

Emilio Iannotta

Articoli correlati per categorie



Comments

2 Responses to "IDV tra "singolari abbandoni" e rigenerazione arancione."

Roberto De Luca ha detto... 3 dicembre 2012 13:39

Apprezzo quanto scritto dall'amico Emilio e condivido il suo appello per il rilancio di IdV in Campania.

Anonimo ha detto... 3 dicembre 2012 20:16

Per tanti iscritti questo caos, generato soprattutto da abbandoni improvvisi e poco giustificati , è motivo di demotivazione ma chi crede veramente in questo progetto deve, invece, trasformare questa situazione in una nuova occasione di ricostruzione e quindi miglioramento.
Dr.ssa Concetta Riccio

Cerca nel blog

Contatta IDV Alto Casertano

scrivi a:
idvaltocasertano@yahoo.com

idvgiovanialtocasertano@yahoo.it

In rilievo

Etichette

Archivio blog

Calendario