1.200.000 firme in un mese contro il Porcellum!

Il 30 settembre il comitato promotore- Italia dei Valori, SEL, Partito liberale, i Democratici (ex asinello) di Arturo Parisi, Unione popolari e gli amici di Mario Segni- della proposta referendaria avente per obiettivo l’abrogazione del Porcellum ha consegnato in Cassazione 1.210.466 firme raccolte praticamente nel solo mese di settembre. La sola Italia dei Valori ne ha raccolte oltre 500.000

Ancora una volta, come per i referendum contro la privatizzazione dell’acqua, il nucleare e il legittimo impedimento e come per il voto amministrativo della primavera scorsa che ha sancito le straordinarie vittorie di Luigi De Magistris a Napoli e di Pisapia a Milano, protagonisti di questo autentico miracolo sono stati i cittadini-in particolare le giovani generazioni- e la Rete.

Italia dei Valori da sempre si fa interprete e sostenitrice della volontà di rinnovamento etico e morale della politica e dell’esigenza di partecipazione attiva delle tante associazioni, movimenti e liste civiche che rafforza e concretizza la democrazia in un momento in cui i partiti tradizionali hanno perso molto della loro autorevolezza. Da sempre considera Internet e la Rete strumenti essenziali per l’informazione plurale e quindi baluardi della democrazia.

Alla luce dello straordinaria partecipazione dei cittadini e dei tanti attestati di incoraggiamento e di stima ricevuti ai banchetti oggi noi di Italia dei Valori vogliamo confermare la nostra determinazione a farci carico della ricostruzione etica ed economica del nostro Paese all’interno di una coalizione di centrosinistra che senza eccessivi tatticismi e ritardi deve proporre agli Italiani in tempi brevi un programma chiaro, stringato e condiviso.

In provincia di Caserta Italia dei Valori ha raccolto 7654 firme. Il contributo numericamente più significativo è venuto da Caserta (951), Piedimonte Matese (755), Marcianise (732), Aversa (395), Teano (338), Capodrise (320).Italia dei Valori dell’Alto Casertano, come sempre, ha dato un contributo importante al risultato provinciale. Da sottolineare, oltre ai dati di Piedimonte e Teano, le 140 firme raccolte a Caiazzo per iniziativa del dott. Stefano De Cesare, le 100 firme raccolte a Castello del Matese dagli amici di LIBERA…MENTE coordinati dal consigliere comunale Geppy Zappulo (che recentemente ha ufficializzato la sua adesione a IDV), le 99 firme di Formicola dove il partito conta tre consiglieri comunali ( De Ninno Giuseppe, Ruggiero Eduardo e Zibella Francesco), le 91 firme di Sant’Angelo del Matese per iniziativa della storica bandiera matesina di IDV Peppino Guerra, le 76 firme di San Gregorio Matese grazie all’impegno dell’assessore di IDV Peter De Lellis, le 53 firme raccolte dagli iscritti di Alife. Non hanno fatto mancare il proprio contributo i simpatizzanti di IDV di Pietramelara, Castelcampagnano, Baia e Latina, Alvignano, Mignano Montelungo, Ailano, Capriati al Volturno, San Potito Sannitico, Raviscanina, Gioia Sannitica.

In attesa che la Corte Costituzionale si pronunci sull’ammissibilità del referendum Italia dei Valori verificherà in Parlamento se esistono le condizioni per una nuova legge elettorale a cui i partiti dovrebbero essere moralmente obbligati viste le tante firme raccolte e il chiaro pronunciamento del Presidente della Repubblica. E’ però davvero poco probabile che un Parlamento di nominati, peraltro arroccati a difesa dei propri privilegi e non espressione dei territori, possano avere la dignità e il coraggio di fare una legge elettorale in cui tornino ad essere decisivi i cittadini. In ogni caso IDV potrà sostenere solo una legge elettorale dove, con il consenso del corpo elettorale, sia fatto salvo il bipolarismo. Una legge elettorale che non permetta ai condannati in via definitiva di essere candidati e agli inquisiti di poter assumere cariche di governo.

E intanto siamo già pronti per la prossima battaglia civile. IDV, condividendo l’allarme lanciato dalla CGIL e dai lavoratori in genere, sostiene e promuove il referendum abrogativo dell’articolo 8 dell’ultima, recente manovra. Con esso il governo ha espropriato i lavoratori dei diritti fondamentali inserendo, in un Decreto urgente avente per finalità l’equilibrio dei conti dello Stato, una misura che nulla ha a che vedere con le esigenze di bilancio. L’articolo 8, nella sostanza, sferra un attacco frontale e decisivo allo Statuto dei lavoratori, ai contratti nazionali e all’autonomia delle organizzazioni sindacali. Contro tale disposto IDV ha presentato alla Camera una pregiudiziale di incostituzionalità. In ogni caso, anche su questa tema, siamo certi che i cittadini non rimarranno inerti e faranno sentire forte il proprio dissenso.


IDV di PIEDIMONTE MATESE

Articoli correlati per categorie



Comments

0 Responses to "1.200.000 firme in un mese contro il Porcellum!"

Cerca nel blog

Contatta IDV Alto Casertano

scrivi a:
idvaltocasertano@yahoo.com

idvgiovanialtocasertano@yahoo.it

In rilievo

Etichette

Archivio blog

Calendario