Intervista a Luigi de Magistris

Cari amici,

pubblico una recente intervista rilasciata da Luigi de Magistris al “IL MATTINO” e pubblicata il 16 agosto.

Ho avuto la fortuna di seguire passo dopo passo la splendida cavalcata di Luigi. Dalla presentazione della sua candidatura al Modernissimo alla splendida festa di piazza Plebiscito dove tutta Napoli si riversò in strada per celebrarne la vittoria.

Ritengo interessante l’intervista di Luigi Roano perché penso che essa racchiuda insieme le motivazioni profonde della suo trionfo elettorale e le direttive della sua amministrazione.

La PASSIONE CIVILE di Luigi avvertita a pelle e fatta propria dai Napoletani. Non ci si dimette da europarlamentare e da presidente di una delle principali commissioni del Parlamento Europeo (controllo dei bilanci e trasparenza degli investimenti finanziati con fondi comunitari) se non si è animati da un autentico amore per la propria città e la propria comunità!

La PARTECIPAZIONE ORIZZONTALE e a prescindere dai partiti che Luigi ha fortemente voluto e saputo ingenerare. Giovani, centri sociali, associazioni di disoccupati e di ex detenuti, precari insieme a uomini di cultura e ai rappresentanti delle istituzioni più prestigiose. Luigi ha “scassato” perché ha saputo rompere le barriere tra ceti sociali, culture e generazioni. Perché ha detto parole chiare e nette in tema di amministrazione di prossimità e di gestione pubblica di beni essenziali.

Il PROTAGONISMO, supportato da PROGETTI ambiziosi, con cui si è proposto ai suoi concittadini per amministrare Napoli. Avendo come obiettivo certamente una amministrazione puntuale ed efficace rispetto alle tante problematiche quotidiane. Ma sapendo resuscitare l’orgoglio dei Napoletani attraverso l’ambizione di recuperare per Napoli il ruolo di capitale del Sud e del Mediterraneo e, soprattutto, quella credibilità internazionale e quella capacità di attrarre (turismo, risorse, eventi) dilapidate da anni di oscurantismo amministrativo .

Il PRAGMATISMO che né ha caratterizzato l’operato, a partire dall’uso oculato delle risorse economiche e mediatiche in campagna elettorale all’attenzione riservata al deficitario bilancio comunale con la sapiente scelta di un assessore, Riccardo Realfonzo, che di quel dissestato bilancio conosceva a mena dito criticità e buchi oscuri; da un’equa distribuzione dei necessari sacrifici- che per essere accettati dai cittadini non potevano che iniziare dal vertice- alla ricerca intelligente e rispettosa (delle Istituzioni e dei ruoli)di fondi per la propria comunità.

Passione civile, Partecipazione orizzontale, Protagonismo, Progetti, Pragmatismo. Sono solo le principali P che vorremmo PER PIEDIMONTE.

Emilio Iannotta


di Luigi Roano

NAPOLI - Da Obama, «arriverà, arriverà»; alle partecipate «a dicembre cambierò tutti i manager»; passando per il Forum delle culture e la Coppa America «grandi opportunità che sfrutteremo». Con al centro di ogni suo pensiero i rifiuti e la soddisfazione «di avere Napoli pulita in pieno agosto». Di più, il rilancio sulla differenziata: «Entro fine anno ci sarà il cento per cento del porta a porta». Il sindaco Luigi de Magistris è gasato, dopo la breve vacanza con la sua famiglia già oggi sarà in città per riprendere il discorso amministrativo appena iniziato.

Allora sindaco Ferragosto è tempo di bilanci, qual è il suo?

«Due mesi di lavoro intenso, 14-16 ore al giorno con la gradita sorpresa di avere scoperto che la giunta ha i miei stessi ritmi. C’è grande partecipazione, il Comune detta i tempi della politica sul territorio. Tutti hanno capito che vogliamo riempire il vuoto che abbiamo trovato all’atto dell’insediamento. Settembre però è determinante, decisivo per consolidare almeno due punti del programma».
Quali?
«L’uscita definitiva dall’emergenza con i rifiuti spediti all’estero. Oggi Napoli è pulita non c’è un sacchetto a terra, siamo vicini a quota zero e non era scontato che ciò accadesse. È un fatto enorme. Poi il piano per la mobilità, rafforzeremo le ztl, andremo anche sui Quartieri spagnoli per puntare poi al 2012 con la chiusura del Corso Umberto».

Procediamo con ordine, perché il discorso rifiuti anche a cassonetti vuoti tiene comunque banco. Basteranno le spedizioni all’estero per tenere Napoli pulita?
«Scontiamo ritardi paurosi sull’impiantisca, non è solo la questione differenziata, chi ci ha preceduto non ha dotato la città di nulla. Ma noi riusciremo a tenere Napoli pulita. C’è grande mobiltazione dei napoletani».

Sempre sicuro che entro fine anno avremo il 70 per cento della differenziata?
«Sì, se il governo sblocca i fondi e credo che lo farà, entro il 31 dicembre avremo tutta la città coperta dal porta a porta. Nel nostro cronoprogramma sui rifiuti siamo avanti».

L’inceneritore, il Comune continuerà a dire no malgrado la sentenza del Tar e la legge che lo prevede?
«Siamo già nella fase del superamento dell’inceneritore, non c’è nessuna legge che lo impone ma solo un bando di gara del presidente Stefano Caldoro. A Napoli est si dovrebbe bruciare la spazzatura di tutta la regione. Noi dimostreremo con i fatti che l’inceneritore non serve per pulire Napoli. In seconda battuta il Comune agirà in tutte le sedi - anche giuridiche - per difendere il suo no a quell’impianto costoso e dannoso».

Non ci sono i sacchetti ma Napoli ha bisogno di molto altro per riconquistare il volto di una città normale. Cosa intende fare?
«Intanto siamo intervenuti a Piazza Garibaldi, ne vado molto fiero. Ora quel luogo ha una maggiore dignità è la porta di una città che deve tornare a recitare il ruolo di capitale mondiale. Realizzeremo un’area mercatale attrezzata dove chi desidera mettersi in regola può accedere. Penso a via Bologna. Ne faremo altre per dare modo agli ambulanti di regolarizzarsi. La prossima tappa sarà via Roma. È intollerabile che per le vie della città e - persino sui marciapiedi - si possano fare traffici illegali. Napoli non deve essere più vista nell’immaginario collettivo come capitale della monnezza ma capitale di un’esperienza ambientale e sociale e umana di primo livello».

Settembre decisivo e il resto dell’anno?

«Cambieremo i manager di tutte le partecipate entro dicembre. Siamo già intervenuti per incorporazione, è il caso della mobilità con Napolipark e Anm. Ci sarà la fine della lottizzazione partitocratica e riguarderà tutte le nostre aziende».

Che fa indossa di nuovo la bandana per scassare?
«Questa amministrazione si vuole caratterizzare non per lo spoil system, non vogliamo essere Attila che cancella tutto. Però vogliamo cambiare molto e mettere volti nuovi. Dobbiamo cambiare Napoli ed è legittimo che nelle società strategiche ci mettiamo persone che hanno lo stesso nostro modo di sentire il mondo. Cambieremo anche i nomi ad Asìa e Bagnolifutura».

A proposito, l’area occidentale sarà teatro della Coppa America e del Forum delle culture, due grandissimi eventi. Come vanno le cose con la Bagnolifutura?
«Cambieremo molto la Bagnolifutura, anche la missione sociale. Penso a forme di azionariato popolare. Verso la Stu rimangono intatte le critiche su quello che è stato fatto e soprattutto su quello che non è stato fatto. Ora sono il sindaco ho monitorato ci sono opere ormai finite servono pochi soldi che deve sbloccare la Regione spero lo faccia presto».

Per esempio?
«Trovo assurdo che il parco dello sport rischi di essere vandalizzato, così come il centro benessere che io non avrei fatto, ma giacché c’é non lo sprechiamo».

Il Forum delle culture a che punto è?
«È uno di quegli eventi su cui mi sto concentrando. Non nascondo di avere ereditato una situazione insoddisfacente. La Regione ancora non ci ha detto quanti soldi mette ed è necessario per programmare. E la stessa Fondazione non ha avuto l’apertura di orizzonti che merita un simile evento. Entro il mese ci saranno novità importanti. Il sindaco si prenderà le responsabilità in prima persona».

La Coppa America di vela. Nella sua parte politica ci sono molti mal di pancia.
«È sbagliato. L’obiettivo per Bagnoli è la riqualificazione ambientale. Con la Coppa America, oggi gli organizzatori dovrebbero ufficializzare Napoli come sede, non ci sarà un solo impianto che al termine della manifestazione non sarà rimosso. Con i soldi che si muoveranno intorno all’evento creeremo posti di lavoro e tireremo fuori i fondi per eliminare la colmata. Con me sindaco ogni napoletano dovrà girare il mondo orgoglioso di sentirsi napoletano. Altro che capitale della monnezza. La mia elezione a sindaco a livello internazionale ha ridato credibilità alla città anche per questo arrivano grandi eventi».

I rapporti con Berlusconi come sono?

«Con il governo in generale il rapporto è molto buono, con tutti i ministri che ho incontrato c’è stata subito intesa. Poi in particolare con la presidenza del Consiglio, con il sottosegretario Gianni Letta e Palazzo Chigi abbiamo aperto una nuova stagione con un dialogo di alto profilo istituzionale»

C’è la sensazione che lei abbia in qualche modo tranquillizzato l’opposizione, forse se opposizione c’è, esiste solo nel centrosinistra. Mica male.
«Avverto questa sensazione di fiducia nei miei riguardi e ne vado fiero. Ho sempre detto che sarei stato il sindaco di tutti. Ora che lo sono a maggior ragione sento questa responsabilità».

E con il Pd sempre porte aperte?
«A livello nazionale rapporti buoni, anzi sono migliorati molto. Insieme dobbiamo lavorare per sconfiggere Berlusconi e trovare un’alternativa politica al centrodestra. A livello locale non mi sfugge il dato che una parte del partito godrebbe di miei eventuali errori. Ma si tratta dei vecchi dirigenti. Il dialogo con Enzo Amendola e Andrea Orlando è apertissimo».

La domanda è obbligatoria. Tra due anni si voterà per il Parlamento e nel centrosinistra le idee sono poche e confuse. Ha fatto un pensierino a Palazzo Chigi?
«Nei prossimi 5 anni qualunque cosa accada e qualunque proposta avrò e qualsiasi consiglio mi daranno farò il sindaco di Napoli. In secondo luogo voglio lavorare per la costruzione di un nuovo modo di fare politica nazionale e lo voglio fare da Napoli e a Napoli. Un modello liberale e socialista che tuteli il mercato ma soprattutto le persone con una distribuzione equa della ricchezza».

Il suo modello, Barack Obama, verrà a Napoli davvero?
«L’obiettivo lo centreremo sulla data dipende da lui, Napoli è tornata al centro degli scenari internazionali. a prescindere. A ottobre avremo 15 sindaci da tutti continenti per discutere di lotta alle mafie; a marzo una conferenza internazionale sui laboratori politici del sud del mondo e dell’Europa a cominciare dagli indignados».


Articoli correlati per categorie



Comments

0 Responses to "Intervista a Luigi de Magistris"

Cerca nel blog

Contatta IDV Alto Casertano

scrivi a:
idvaltocasertano@yahoo.com

idvgiovanialtocasertano@yahoo.it

In rilievo

Etichette

Archivio blog

Calendario