Immunità sì, immunità no

Il Parlamento Europeo, negli ultimi giorni ha una volta concesso l'immunita parlamentare all'On. Aldo Patriciello, per difenderlo in un "procedimento pendente presso il Tribunale d'Isernia per aver ingustamente incolpato del reato di falso materiale in atto pubblico l'agente della Polizia Municipale Stefania Di Clemente, pur sapendo della sua innocenza" (comunicato stampa del Parlamento Europeo del 05-05-09, clicca qui per leggere tutto), mentre un'altra volta ha deciso di non concedergliela. E' accaduto il 22 Aprile scorso: "Il Parlamento Europeo ha deciso di non difendere l'immunità di Aldo Patriciello nell'ambito di un'azione penale a suo carico avviata dal Gip presso il Tribunale di Campobasso, per una serie di delitti e per ipotesi contravvenzionale del Testo Unico sull'Edilizia. Per i deputati, malversazioni di fondi pubblici e reati urbanistici non possono essere equiparati ad un'opinioni o ad un voto, pertanto l'immunità di Patriciello non può essere protetta (qui potete leggere la nota del Parlamento Europeo)".
Quindi non è Patriciello che ha rinunciato all'immunita parlamentare, come ha titolato qualche giorno fa l'Eco del Molise, ma bensì una votazione quasi all'unanimità del Parlamento Europeo che gli ha difatti impedito di godere del privilegio di non essere processato come succederebbe a qualsiasi altro cittadino.
Per quanto riguarda il caso con l'agente Stefania Di Clemente, accusata ingiustamente da Patriciello di aver falsificato i verbali di alcune multe mettendo orari fasulli, questo è stato classificato come una "opinione" dell'Onorevole, quindi degna di immunità, e non come una offesa alla dipendente pubblica.
A parte i dubbi in merito, non è concepibile che un Parlamento Europeo si debba concentrare diverse volte in pochi giorni sulle vicende giudiziarie di un singolo deputato. Il Parlamento Europeo deve occuparsi delle questioni comunitarie, non deve essere la "tana del lupo".
Crediamo che per questo motivo, le prossime elezioni europee, debbano essere un punto di svolta: mandare a Strasburgo solo il meglio della società civile.
Il Pdl ricandida pregiudicati ed inquisiti, l'Italia dei Valori invece chi ha dato dimostrazione, nei fatti, di poter rappresentare la parte sana del paese. In tal senso si collocano le candidature da indipendenti di persone come Luigi De Magistris, Sonia Alfano e Carlo Vulpio: tutti e tre con storie personali tanto lontane quanto simili, uniti dai valori sani come la giustizia, l'onesta e la libera e corretta informazione.

Articoli correlati per categorie



Comments

0 Responses to "Immunità sì, immunità no"

Cerca nel blog

Contatta IDV Alto Casertano

scrivi a:
idvaltocasertano@yahoo.com

idvgiovanialtocasertano@yahoo.it

In rilievo

Etichette

Archivio blog

Calendario