La riforma del "processo inutile"

Più che riforma del "processo breve", questa è la riforma del "processo inutile". Perchè quando e se passerà questa legge, per determinati tipi di reati l'inizio del processo sarà solo una formalità, dato che è praticamente impossibile, se non si aumentano i fondi e si migliorano gli strumenti per effettuare le indagini, che i magistrati possano portare a sentenza un processo in due anni a partire dal rinvio a giudizio. Quindi i processi che inizieranno, per i reati con pena inferiore a 10 anni di reclusione, saranno inutili perchè la prescrizione è garantita e gli eventuali colpevoli resteranno impuniti.
Oltre all'
immoralità della legge, che è intriseca, colpiscono due cose: la prima riguarda il grandissimo spreco di soldi pubblici per i processi che in partenza nascono morti, sicuri della prescrizione perchè il termine dei due anni per la sentenza è una botte di ferro per l'imputato, sopratutto per quanto riguarda gli indagati per reati finanziari, dove le indagini e le perizie richiedono molto tempo. Questo spreco, poi alla luce dell'abolizione di fatto delle intercettazioni paventata per l'uso eccessivo che la magistratura ne faceva, spendendo troppo secondo il pdl. L'altro punto è che, con l'utilizzo dell'espressione "processo breve" per definire questa legge, si è voltuto dare consapevolmente un falso giudizio sulle conseguenze pratiche dell'applicazione delle stessa legge. Non cambierà proprio nulla perchè la maggioranza dei processi in Italia è di natura civile, non penale. E, in più, non c'è un euro per mettere in condizione i magistrati di poter emettere le sentenza in un tempo ragionevole.
Degno di nota anche il chiarimento di Alfano:"
sarà prescritto solo l'1% dei processi". Ma serve una precisazione. Perchè devono essere messi in conto anche quelli che non hanno ancora maturato i termini delle prescrizione ma che praticamente sono spacciati, e anche quelli che cominceranno in futuro ma sono in realtà già morti.
La volontà politica è chiara: troppi processi e troppo lunghi?Due anni di tempo (per ogni grado di giudizio), altrimenti processo annullato. Pazienza se materialmente i magistrati non sono nelle condizioni di poter svolgere completamente il loro lavoro.
Senza considerare il fatto che la maggioranza sta imponendo questa riforma con la forza, senza discutere con l'opposizione o con i rappresentanti della categoria (l'ANM ha definito questa riforma "devastante" per il sistema giudiziario").

Insomma, è chiaro che
questa legge serve solo a Berlusconi per liberarsi una volta per tutte dei suoi due processi. Quello Mediaset e quello Mills. Ne è la conferma anche il fatto che si è tornato a parlare di Lodo Alfano "costituzionale", ammettendo implicitamente quindi che il vero interesse non è quello dei cittadini, ma quello di Berlusconi.

Per salvare una persona, uomo solo al comando, si è scelto di sacrificare il lavoro di centinania di magistrati e di impedire ai cittadini di sapere la verità e ottenere giustizia in molti processi.

Le ultime parole famose. Dopo la bocciatura del Lodo Alfano dalla Corte Costituzionale, Berlusconi dixit:"Andrò in tribunale per farmi processare, vedrete di che pasta sono fatto!"


5 DIECEMBRE 2009
No Berlusconi Day
Roma, piazza della Repubblica ore 14,oo

Mirco Sirignano
responsabile comunicazione e informazione giovani idv alto casertano

Articoli correlati per categorie



Comments

0 Responses to "La riforma del "processo inutile""

Cerca nel blog

Contatta IDV Alto Casertano

scrivi a:
idvaltocasertano@yahoo.com

idvgiovanialtocasertano@yahoo.it

In rilievo

Etichette

Archivio blog

Calendario